Anelli sede valvola

Dall'utilizzo di testate in alluminio gli anelli sede valvola hanno assunto sempre più importanza. Essi ermetizzano la camera di combustione della testata insieme alle valvole. L'anello sede valvola impedisce la penetrazione/inserimento della valvola nella testata. Tale anello assorbe una parte del calore generato dalla combustione, con cui viene alimentata la valvola. L'anello sede valvola emana questo calore per la testata.

Per tollerare le varie sollecitazioni, è necessario trovare una composizione ottimale di materiali per gli anelli sede valvola. Bisogna tenere in considerazione non solo le condizioni di utilizzo nel motore, ma anche la lavorabilità del materiale presso il meccanico riparatore di motori.

Materiali

Nelle generazioni più recenti di motori di rinomati produttori di autoveicoli si utilizzano anelli sede valvola fatti di materiali sinterizzati (metallurgia delle polveri). La sollecitazione termica e meccanica sempre crescente dell'anello sede nella camera di combustione può essere a malapena sostenuta dai materiali creati tramite la tradizionale fusione.

Per questi motivi, Motorservice offre, tra le altre cose, anelli sede valvola sinterizzati fatti da 2 diverse combinazioni di materiali  che andranno a coprire l'intera gamma di utilizzi dei motori del futuro.

Anello sede valvola HM sinterizzato

Serie HM semi finished

(High Machinability - ottima truciolabilità)
La combinazione di materiali si contraddistingue per l'eccellente truciolabilità. L'anello sede valvola HM sinterizzato è fatto di un carburo di tungsteno, adagiato in acciaio in lega, che sopporta bene le sollecitazioni. In questo modo è possibile unire combinazioni finora impossibili di caratteristiche dei materiali, come elevata durezza e ottima truciolabilità. Inoltre, la serie HM possiede una buona resistenza all'usura e una buona resistenza al calore. La serie HM è stata sviluppata per i motori aspirati e turbo del segmento di potenza da basso ad alto.

Serie HT semi finished

(High Temperature Resistance - elevata resistenza alle temperature)
La combinazione di materiali si contraddistingue per l'elevata resistenza all'usura, invariata anche in caso di temperature estremamente elevate. L'anello sede valvola HT sinterizzato corrisponde a un acciaio ceramicato da utensili fatto di carburo di tungsteno nella cui matrice è inserito appositamente un additivo resistente alle temperature elevate. Grazie all'elevata quantità di lubrificanti inseriti in modo fisso, tali anelli sono particolarmente adatti per motori diesel e a benzina performanti, con alto numero di giri e sottoposti a sollecitazioni elevate. Nonostante le elevate sollecitazioni di questi motori, questo materiale impedisce la "microsaldatura" dell'anello sede valvola alla valvola. L'ambito di applicazione dell'anello sede valvola HT comprende anche i motori sottoposti ad altissime sollecitazioni. Questo materiale è stato sviluppato per carburanti secchi come CNG, GPL e Flex Fuel.

Serie HT+ semi finished

(High Temperature and High Wear Resistance - elevata resistenza alle temperature e all'usura)
La combinazione di materiali si contraddistingue per l'elevata resistenza all'usura, invariata anche in caso di temperature estremamente elevate. Nonostante la maggiore resistenza all'usura, i materiali degli anelli sede valvola HT+ sono più semplici da lavorare e sottopongono il materiale da tagliare a sollecitazioni non eccessivamente elevate. La combinazione di acciaio ceramicato da utensili in carburo di tungsteno e l'elevata quantità di lubrificanti inseriti in modo fisso è particolarmente adatta per carburanti secchi come GPL, CNG, propano e Flex Fuel. Può inoltre essere utilizzato ad esempio per motore diesel e a benzina altamente performanti. Inoltre l'anello sede valvola HT+ vanta ottime caratteristiche di conduttività termica e nonostante le elevate sollecitazioni di questi motori impedisce la "microsaldatura" dell'anello sede valvola alla valvola.

Anelli sede valvola in ghisa

Serie G1 finished

(Resistenza al calore elevato)
La serie G1 è composta da una lega di ghisa grigia con resistenza al calore elevato con l'aggiunta di cromo e molibdeno. La serie G1 è stata sviluppata per un'ampia gamma di utilizzi ed è impiegata soprattutto nei veicoli commerciali. Questo anello sede valvola è fatto da un composto adatto alle sollecitazioni a base di martensite rinvenuta e di una marcata rete al carburo. Così questo anello sede valvola ha una buona resistenza all'usura ed è resistente al calore elevato.

Serie G2 finished

(Elevata resistenza all'usura)
La serie G2 è composta da una lega di ghisa grigia con elevata resistenza all'usura con parti di molibdeno e vanadio. Questa combinazione di materiali si distingue per un'elevata resistenza all'usura e la stabilità anche a temperature estremamente elevate. Si tratta di un materiale in lega di alta qualità con una marcata rete chiusa di carburi miscelati o speciali in una matrice di  martensite e, contemporaneamente, parti di lubrificante solido.

HMHTG1G2HT+

High MachinabilityHigh Temperature
Resistance
High
Temperature
Resistance

Highly Wear
Resistance

High Temperature and High Wear Resistance
Tipo di carburante/
combustione           
Benzina
(senza piombo), diesel
Benzina
(senza piombo),
diesel
Benzina (senza piombo), diesel      CNG, GPL, Flex Fuel, benzina (senza piombo), dieselBenzina (senza piombo), diesel, CNG, GPL, propano, Flex Fuel
Materiali
testata
Alluminio,
ghisa grigia
Alluminio,
ghisa grigia
Alluminio,
ghisa grigia
Alluminio,
ghisa grigia
Alluminio,
ghisa grigia
MotoriMotori diesel e a benzina poco performanti sottoposti a sollecitazioni da scarse a normaliMotori diesel e a benzina performanti, con alto numero di giri e sottoposti a sollecitazioni elevateMotori aspiranti, motori turbo       Motori molto sollecitati, motori con potenza maggiore, tutti i motori a gas citati sopraApplicazioni a gas come GPL, CNG, propano, Flex Fuel; motori diesel e a benzina performanti

Attenzione:

Condizioni d'utilizzo estreme e sollecitazioni elevate del motore devono essere tenute in considerazione e ricadono nella responsabilità del meccanico riparatore di motori.

La selezione della specifica dei componenti del motore deve essere controllata con cura dal meccanico riparatore di motori.